sabato 19 gennaio 2019

Cioli sconfitta a Cefalù (5-2). Mister Rinaldi? "Atteggiamento antisportivo"

Gara ad alti ritmi, giocata in perfetto equilibrio dalle due formazioni e gestita male nel finale dalla Cioli Ariccia Valmontone, autrice di una prestazione maiuscola nonostante l'assenza di Luciano Mendes. A Cefalù finisce 5-2 per il Real, con le reti di Oscar Velazquez e Manuel Del Ferraro per la formazione amarantoceleste. In casa della formazione laziale è grande il dispiacere, non per il risultato - ritenuto bugiardo - , ma per uno spiacevole episodio che ha visto coinvolto l'allenatore della formazione avversaria.

Il match. "Partita molto equilibrata tra due squadre che si sono equivalse e hanno offerto un buono spettacolo. Gara sbloccata su palla inattiva dalla formazione di casa; anche noi ne abbiamo avuta una ma la conclusione è finita all'incrocio dei pali. Il primo tempo si è concluso 1-0. Nella ripresa siamo entrati in campo concentrati, senza affrettare i tempi e con la voglia di dire la nostra, convinti che questo atteggiamento avrebbe dato i suoi frutti e così è stato. Abbiamo pareggiato (1-1) e, poi un episodio ha scatenato la confusione: noi, da squadra seria, nel primo tempo, con un giocatore avversario a terra, siamo partiti in campo aperto in superiorità numerica ma, vedendolo giù, abbiamo messo la palla fuori in pieno fair play. Nella ripresa, sull'1-1, un giocatore del Cefalù ha colpito al volto Velazquez, lui si è fermato perché aveva i sintomi dello svenimento e il Cefalù è partito in contropiede concludendo l'azione e andando in vantaggio per 2-1. Azione dalla quale si è generata una polemica immensa - spiega mister Rosinha - . Il direttore di gara ha detto di non aver visto l'episodio, il giocatore del Cefalù che ha colpito il nostro ha detto di aver ricevuto indicazioni di continuare. E' entrato in scena il loro allenatore, facendo spettacolo, dicendo ai suoi di continuare a giocare che loro non avrebbero regalato niente a nessuno. Dal 2-1 abbiamo cercato di rimanere in partita, abbiamo avuto occasione di pareggiare; poi, su palla inattiva, siamo riusciti a portarla sul 2-2. Loro hanno schierato il portiere di movimento e noi abbiamo risposto senza correre rischi. Abbiamo avuto un fallo in area (su Valazquez, ndr) con rigore netto a nostro favore, non concesso dal direttore di gara. Tutte queste situazioni hanno innervosito l'ambiente e la nostra squadra che ha pagato alla fine l'immaturità. Come prestazione c'è stata, sono molto contento, anche senza Mendes che è un giocatore importante. La squadra ha carattere e sa compattarsi. Faremo comunque quello che dovremo anche nella prossima partita, nella quale mancherà Velazquez. Dobbiamo imparare dagli errori: la gara è stata giocata molto bene, non si può passare da 2-2 a un minuto e mezzo dalla fine a 5-2. Mancanza di esperienza da parte nostra, spero fortemente che la squadra faccia un'attenta analisi della prestazione fatta; c'è stata una grande performance ma in questo sport la concentrazione e la testa fanno la differenza. Per trentotto minuti e mezzo abbiamo fatto una grandissima partita". Bicchiere pieno dunque quello della Cioli Ariccia Valmontone che riprenderà gli allenamenti lunedì con tante indicazioni positive: "La squadra - prosegue il mister - può giocare contro chiunque un buon calcio a cinque e dire la sua. Purtroppo il risultato finale non racconta quella che è stata la partita". Ora ci sarà la pausa prima di un altro match importante, quello contro la capolista Tombesi Ortona: "In questo periodo cercheremo di recuperare giocatori che hanno avuto acciacchi o minutaggio altissimo, ne approfitteremo per ricaricare le batterie. Il nostro preparatore cercherà di mettere benzina nella gambe dei ragazzi; poi, nella seconda settimana, aumenteremo l'intensità del lavoro con la palla, fino a giocare il primo febbraio un'amichevole contro un'ottima squadra di Serie B, l'Active Network, per continuare ad avere il ritmo partita. Successivamente, lavoreremo normalmente per affrontare il match contro la corazzata Tombesi Ortona".
La Società. Alle parole di mister Rosinha in merito all'increscioso episodio di oggi e alla mancanza di fair play da parte del tecnico del Real Cefalù, si uniscono quelle del Presidente del club, Franco Casilli: "Abbiamo assistito ad un episodio antisportivo, messo in atto dopo aver ricevuto la massima correttezza per un fatto analogo accaduto precedentemente. Penso che il tecnico del Real Cefalù abbia mostrato un atteggiamento che non faccia bene allo sport e che abbia creato un precedente capace solo di fare del male al futsal".

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.