mercoledì 27 giugno 2018

Cioli, c’è il “sì” di Marchetti

Luca Marchetti non si muove dalla Cioli Ariccia Valmontone. La Società castellana dà infatti notizia del prolungamento del legame con il giocatore che resta, secondo tra i senior, tra i punti fermi della prima squadra anche per la prossima stagione di A2.
Un'altra stagione alla Cioli, sarà la quinta con Casilli. Cosa significa per te?
“Questo significa che il legame nasce con lo sport e poi, ovviamente, si tramuta in altro. Come in ogni rapporto ci sono alti e bassi ma se si ha la volontà di continuare insieme si smussa qualcosa e tutto continua meglio di prima. C’è da considerare anche che quando si creano le condizioni è più facile scegliere; si viene comunque da un annata positiva dove si è fatto più di quello che ci si aspettava e, a livello personale, a parte l’infortunio, appena tornato credo di aver contribuito in pieno al raggiungimento del nostro obiettivo”
Un legame importante con le persone e con la Cioli. Obiettivi per la prossima stagione?
“Il legame che si è creato indubbiamente e merito delle persone che gravitano attorno alla Società, da Luca e Fabio Cioli, Casilli, De Angelis e poi lo staff tecnico, cominciando da Rosinha, e finendo con i compagni. Il mister su tutti ha avuto il compito non facile di gestire una stagione non semplice e portarla a compimento nel migliore dei modi. Per quanto mi riguarda, come capitano so che l’attenzione su certi atteggiamenti forti durante l’anno è stata massima perciò cercherò come tutti di razionalizzare le cose che non vanno bene e di pormi al servizio di tutti, specialmente dei giovani che rimangono il fulcro principale della Società. Credo che un plauso però lo meritino anche i senior, giocatori di esperienza comprovata che mai come quest’anno hanno trascinato i giovani ad un bel traguardo. L’obiettivo di partenza come al solito sarà quello di ben figurare, mantenere la categoria e valorizzare i giovani ma per esperienza, come succede sempre, molto spesso cambia nel proseguo del campionato e la cosa bella sarà proprio quello di farlo cambiare e guardare sempre più avanti”
Sarà un campionato di A2 molto competitivo. Cosa ne pensi?
“Alla fine sarà un campionato livellato ed interessante, il primo a tre gironi, dove tutti partono alla pari ma sicuramente ad agosto ci sarà, come credo sia giusto, quella squadra che avrà investito di più e si etichetterà come favorita. Non avremo alcuni giocatori con noi con i quali abbiamo condiviso un percorso nella scorsa stagione e di questo mi dispiace. Detto ciò, noi faremo il nostro e poi si vedrà..."

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.